LUCA MOLINARI : ISTANBUL CITTÀ MONDO
Mutazioni: città al bivio per il nuovo Secolo

Bisanzio, Costantinopoli, Stambul, Istanbul, sono decine i modi di nominare una delle metropoli più dense e universali della storia dell’uomo. Asse geografico, ambientale, culturale, sociale, politico che per oltre duemila anni è stata comparabile a Roma per valore simbolico e valore strategico. Insieme metropoli dalle sue origini e laboratorio urbano che ne ha accompagnato la metamorfosi sino al XX secolo e a una contemporaneità che la vede popolata da oltre 18 milioni di abitanti. Istanbul è ancora quella città-mondo e insieme è un luogo in cui osservare il paesaggio metropolitano cambiare con una radicalità che hanno poche regioni urbanizzate. Per questo è utile interrogare Istanbul leggendo con attenzione le tracce di una storia urbana e architettonica così attuale.

Istanbul: città mondo a cura di Luca Molinari, professore ordinario Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale – Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, è il primo appuntamento del ciclo Mutazioni_Città al bivio per il nuovo Secolo a cura di Carmen Andriani e Manuel Gausa, organizzato dal Dipartimento Architettura e Design (DAD) dell’Università di Genova e da ADD Genova – Corso di Dottorato in Architettura e Design, in collaborazione con la Fondazione Ordine Architetti di Genova.

Luca Molinari, architetto, critico e teorico dell’architettura, classe 1966, vive a Milano ed è professore ordinario presso il Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale della Università della Campania “Luigi Vanvitelli”. Curatore di mostre ed eventi in Italia e all’estero, collabora come consulente alla qualità dell’architettura con numerosi enti pubblici e privati. Nel 2014 ha aperto Luca Molinari Studio. Ha collaborato con LotusAbitareDomusArchisL’architecture ‘aujourd’huiA+U, il Corriere della SeraLa Stampa e L’Espresso. Dal 2018 è Direttore Editoriale della rivista d’architettura Platform. Dal 1995 è responsabile editoriale per il settore Architettura e Design della casa editrice Skira. Tra il 2001 e il 2004 è stato responsabile scientifico per l’architettura e l’urbanistica della Triennale di Milano. Nel 2010 ha curato il Padiglione Italiano in occasione della XII Biennale di Architettura Venezia. Dal 2012 al 2018 è stato membro del Consiglio Superiore dei Beni Culturali e Paesaggistici del MiBAC. Ha ricevuto il Premio ‘Ernesto Nathan Rogers’ per la critica e la comunicazione d’architettura della X Biennale d’Architettura e l’UIA Jean Tschumi Prize for Critic. Tra le sue ultime pubblicazioni: Dismisura (2019), Le case che siamo (2017), la curatela del volume Divina sezione. L’architettura italiana per la Divina Commedia, il libro a fumetti Architettura della felicità. Futuro come sostanza di cose sperate (2019), firmato insieme a Raul Pantaleo e Marta Gerardi.

19 May 2021
Carmen Andriani, Manuel Gausa, Luca Molinari, Alessandro Perotta
ADD Genova – Corso di Dottorato in Architettura e Design, Dipartimento Architettura e Design dell’Università di Genova, Fondazione OAGE
1 hour 33 minutes
Carmen Andriani, Manuel Gausa
408

Indice

0:0:1
0:8:12
0:13:17
0:18:37
0:23:37
0:29:22
0:36:48
0:41:12
0:46:43
0:50:46
0:56:17
0:59:9
1:5:0
1:11:20
1:14:55